Monster Caferacer

Questa e' la moto della mia ragazza, ma prima di diventare cosi' era in altre condizioni, nella pagina potrete vedere tutte le fasi dei lavori.
Il lavoro si svolge in due fasi : la prima e' rimettere in funzione la moto dopo anni di sosta forzata, la seconda e' preparare la moto x esporla al "Motodays" di Roma (6-9 marzo 2014).
l serbatoio presentava tracce di ruggine sia all'esterno che all'interno, la prima cosa e' stata il trattamento di bonifica interno e poi l'eliminazione esterna della ruggine e la successiva verniciatura.
Il telaio in seguito all' urto si era leggermente storto all'altezza del tegolino.
L'imbottitura della sella e' stata ridotta x permettere alla mia ragazza di arrivare a poggiare entrambi i piedi a terra, nella parte centrale e' stata inserita una lastra in gel x ovviare alla riduzione dello strato di gommapiuma.
Ecco la sella con il nuovo cover in stile caferacer.
Le canne della forcella sono state sfilate x per essere revisionate.
 Forcella revisionata e piedini lucidati. 
Anche il serbatoio e' stato riparato.
Trovato un'altro serbatoio e appurato che non era abbozzato , le guance laterali vengono lucidate e integrate nella grafica, mentre la parte interna riceve il trattamento antiruggine come il precedente.
Il maestro dell' aerografia Cryart, al lavoro.
Altri particolari che tornano al loro posto: porta targa realizzato artigianalmente in acciaio inox come il supporto x le freccie, il tegolino in alluminio e' un pezzo della defunta (peccato)  roadracing, trovato usato e adattato , notare la luce targa montata al di sotto  di quest'ultima.
Modifica e adattamento del pezzo che non era x questo modello di moto.
X gli scarichi ho recuperato i fondelli da una coppia di scarichi Ducati perfomance, ecco le vari fasi:
Fondelli ripuliti da ossido e graffi, pronti x la lucidatura.
Sezione ottenuta da una striscia di acciaio inox, le lavorazioni dei suddetti terminali : taglio delle lamiere, piegatura e saldature, sono state tutte eseguite dal sottoscritto.
Componenti interni dei silenziatori.
Lastre inox tagliate al plasma, curvate e saldate. 
Coni e fondelli in alluminio lucidati.
Eliminate le staffe fianchetto , configurazione posizione staffe silenziatori.
Staffe inox terminale.
Staffe terminale in inox lucidate.
Parafango anteriore in alluminio che sostituisce quello originale.
Il parafango e' stato choppato  davanti e dietro e lucidato  insieme ai supporti.
Trovato un contagiri usato e risolto un problema interno , la base viene realizzata su mio disegno in acciaio inox tagliato al plasma, le spie vengono riposizionate sul lato sinistro, cablato l'impianto interno le lampadine vengono sostituite con dei led e le parti metalliche vengono lucidate.
Nuove leve regolabili freno-frizione.
Bulloni in inox che sostituiscono quelli originali.
Nell'immagine potete vedere i bulloni che sono stati svasati al tornio e successivamente lucidati.
Il tappo del serbatoio sabbiato e successivamente lucidato e verniciato in nero raggrinzito.
Costruzione pedane e relative staffe in acciaio inox.
Saldature eseguite al tig.
Finitura lucida.
Tappi telaio , realizzati al tornio e lucidati.
Cavalletto e supporto lucidati.
Seconda fase del lavoro.
Smontaggio totale della moto.
Telaio sverniciato.
Telaio verniciato in nero opaco.
Motore verniciato in nero opaco.
Forcellone verniciato in nero opaco.
Carter motore e tappi forcellone sabbiati e lucidati.
Collettori d'aspirazione.
Molla ammortizzatore e archetto sospensione verniciati in rosso Ducati.
Riassemblaggio: telaio-motore- forcellone-ammortizzatore revisionato.
Vi domanderete che cosa e' l'oggetto in foto, e' una placca che andra' ad impreziosire la piastra di sterzo, verra' realizzata in bronzo e argento da un'artista orafa, in foto la cera di fusione.
Il cablaggio elettrico, tubi benzina e tubi di sfiato .
Piastre di sterzo lucidate con bulloni in inox.
Collettori scarico sabbiati e verniciati in nero termico.
Cerchi sverniciati x essere verniciati e lucidati.
Griglia radiatore in acciaio inox tagliato al laser.
Serbatoietti in finitura lucida con bulloneria in ottone che impreziosiscono le nuove pompe freno-frizione con nuove tubazione in treccia.
Serbatoietto special edition rosso.
Assemblaggio quasi terminato.
Specchietti retro-visori in carbonio con staffe artigianali.
Paracatena in acciaio inox.
Realizzazione codone monoposto 
La forma di partenza viene realizzata partendo da dei blocchi di poliuterano espanso, una volta definite dimensioni e simmetrie , si passa a realizzare il pezzo in vetroresina.
Definite le forme, si passa alla base della seduta che viene sempre realizzata in vetro-resina.